On assignment: Canon Eos 1000D

Written on 13 dicembre 2008 – 10:00 | by BuonTeo |

Durante la preparazione dell’ultima recensione per la Canon 1000D, mi è stato chiesto di aprire l’articolo con una foto del prodotto, diversa dallo sterile scatto descrittivo fatto all’interno del soft box. Come interpretare visivamente l’immagine di un prodotto nuovo? Che rappresenta quindi qualcosa attinente ad un senso di freschezza, e che per di più viene presentato in un articolo che esce sotto le feste di natale…

Mumble..mumble…: Novità….FreschezzaNatale……..NEVE!!!!

Neve! Ecco la risposta! Una bella immagine della fotocamera incastrata nella neve per richiamare la freschezza ed il natale.
E la novità?

Mumble..mumble….: NovitàNuovoQualcosa che supera quello che già c’è….Che sta più in alto….Ancora Neve….Alto….MONTAGNA INNEVATA!!

Una Canon 1000D incastrata nella neve su di una montagna…..mamma mia, e come faccio visto che mi trovo in ufficio e l”articolo esce questo pomeriggio?
Niente paura, uno sguardo fuori dalla finestra e partiamo per gradi:
  1. Ovviamente l’idea della neve non è venuta fuori dal nulla ma è dovuta al fatto che questi ultimi giorni ha nevicato abbondantemente. Nel parcheggio sotto la sede della redazione è ancora presente un bello strato di neve non rovinato da impronte. Esco, incastro corpo macchina ed obbiettivo nel manto bianco in modo da mettere bene in mostra le targhette riportanti il nome del produttore ed il modello di entrambi.
  2. Le impostazioni di ripresa sono 1/80 s @ F/7,1 – ISO 200. Posto che la sola luce ambiente non avrebbe restituito riflessi adeguati sul prodotto e che non lo avrei staccato dallo sfondo adeguatamente, ho scelto di utilizzare due flash per illuminare la scena. Il primo flash è posizionato in macchina in modo da illuminare frontalmente obiettivo e fotocamera. Il secondo flash è posizionato a 90° rispetto al punto di ripresa così da generare i riflessi sulle targhette argentate di corpo macchina e barilotto dell’obiettivo.
  3. La neve bianca porta l’esposimetro a giocare al ribasso, di conseguenza quella che leggo come esposizione corretta mi genererà una sottoesposizione delle parti scure della Canon 1000D. Per risolvere questo problema sovraespongo la luce flash del master di + 2/3 di stop rispetto alla lettura TTL e di +1 stop quella dello slave. Sbilanciare il lampo flash tra master e slave è importante per caratterizzare la luce. Lo slave costituisce la luce principale, mentre master e luce ambiente costituiscono la luce di riempimento.
  4. Fatto questo torno al pc ed inizio la post produzione. Le operazioni base di correzione di livello e contrasto sono minime. Passo quindi al crop ed alla selezione del parcheggio visibile in foto, voglio eliminarlo così da ottenere solo il soggetto e la neve su cui poggia.
  5. Ora recupero dall’archivio un bel primo piano del Legnone innevato, monte del lecchese.
  6. Unisco lo scatto della 1000D a quello del monte Legnone.
  7. Aggiungo un livello di testo per dare maggiore impatto al modello di fotocamera ripresa, ed ecco il risultato finale:

Al prossimo estro creativo!!

  1. 4 Comments to “On assignment: Canon Eos 1000D”

    1. il Lopy scrive:

      ..foto molto bella e originale!! Obiettivo incastonato nella neve???? OPACIZZAZIONE ASSICURATA!!!!!

    2. ondequadre scrive:

      ottima idea, solo la foto della montagna dietro pare avere una risoluzione molto diversa dallo scattu del soggetto.. mi sbaglio?

    3. Il BuonTeo scrive:

      @ Lopy: tranquillo, la neve era talmente compatta che è sarebbe stato più facile graffiare il barilotto!! ;-)

      @ Ondequadre: non ti sbagli, la risoluzione dello sfondo è molto più bassa perchè l’ho presa dall’archivio web..in quel momento avevo a disposizione solo quello ;-)

    4. Il Kiwi scrive:

      E io che pensavo fosse un’immagine proveniente da qualche brochure Canon! Bravo Teo!

    Leave a Reply

    (obbligatorio)

    (obbligatorio)