Brienno, quell’ameno paesino sul lago di Como

Written on 4 ottobre 2009 – 17:47 | by BuonTeo |

Sfruttando l’occasione di andare a cena da due amici che abitano nel comasco, ho pensato bene di ritagliarmi un oretta per fare qualche scatto tra le viuzze dei paesi di Brienno e Argegno. Piccoli paesini arroccati sui ripidi versanti delle montagne comasche che si proiettano sul lago, a monte gli orti terrazzati, a valle lo specchio d’acqua. Sono piccoli gioielli che riservano scorci particolari e vie che si snodano tra la strada principale e i porticati che corrono sotto le case.

20090920-_O0E9534_edit

1/1000 s @ F/7,1 ISO 800Canon Eos 1D Mark II, Sigma 24-70 mm F/2,8 EX DG Macro

Preso da una vena poetica in fase di postproduzione ho scelto di adottare una tecnica di filtraggio proposta dal buon Alessandro Bordin che consiste nel miscelare un filtraggio di sfuocatura con un parziale recupero di contrasto tonale per poi rifinire nuovamente con un ulteriore passaggio di sfuocatura. L’effetto restituisce una atmosfera sospesa, quasi onirica che ben si adatta alla ripresa sfondo lago. Prima di questa fase sono state raddrizzate le linee degli edifici distorte dalla ripresa grandangolare.

20090920-_O0E9535

1/1250 s @ F/7,1 ISO 800

In questo scatto verticale ho scelto la prospettiva dal basso per enfatizzare il gesto della statua a memoria dei soldati alpini. il campanile slancia l’intera scena sulla diagonale ma non sono totalmente convinto dall’angolo di tetto che si trova in basso a destra. Da una parte mi dà l’idea che completi il gesto della statua che scaglia la pietra verso qualcosa, dall’altra disturba l’inquadratura… non lo so..aspetto i vostri commenti. ( Detta tutta, potrebbe essere anche interpretata concettualmente come un attacco alla chiesa) Non è l’interpretazione che volevo dare ma devo ammettere che lascia spazio anche a questa!

La postproduzione è avvenuta lavorando sulla conversione in bianco e nero con la tecnica della miscelazione canale, sistema che ho ormai adottato in tutti gli scatti B&W per la libertà che mi lascia nel gestire la consistenza di ombre, luci e variazioni di tonalità di grigio a partire da una foto a colori. In questo caso specifico ho completamente annullato il canale blu per dare spazio ad 80% di rosso e 20% di verde. Una leggero filtraggio con maschera di contrasto a permesso di mettere in risalto la texture della roccia ed i dettagli della statua.

20090920-_O0E9552

1/1000 s @ F/10 ISO 800, Canon Eos 1D Mark II, Canon EF 70-200 mm F/2,8 L USM

Spostatomi pochi Km più a nord, il paese di Argegno ha offerto altri due scatti con obiettivo medio tele per via del porto ampio. C’era una luce strana, una forte dominante gialla e ha volte nuvole che scaricavano un pioggerellina leggera. Visti i contrasti generati dal tempo atmosferico ho scelto di lavorare con una lettura spot dell’esposimetro per caricare maggiormente le situazioni di chiaro scuro.

L’immagine del traghetto è stata giocata sulla regola dei terzi per comporre lo sfondo, il traghetto al centro della foto enfatizza il soggetto e lascia spazio compositivo al riflesso rettilineo generato sull’acqua. In postproduzione sono stati regolati il contrasto e la saturazione.

20090920-_O0E9560

1/2500 s @ F/2,8 ISO 800

L’ultima immagine l’ho scattata perchè mi ha incuriosito il nome della barca, traduzione dialettale del nome del paese: “Argegn“. Mi chiedo perchè il proprietario abbia scelto proprio questo nome: sarà un vecchio pescatore del lago? Un cittadino molto legato al proprio luogo di nascita? Non lo sapremo mai probabilmente, sta di fatto che il diaframma aperto ha ridotto la pdc per accompagnare lo sguardo proprio sulla scritta, mentre il contorno rimane sfuocato ma leggibile.  Adoro particolarmente il limite di pelatura delle alte luci che si crea sul primo piano.

Ora che mi sono dilungato, a voi commenti e critiche sempre ben accetti. Buona Luce!

  1. One Comments to “Brienno, quell’ameno paesino sul lago di Como”

    1. Falsomagro scrive:

      La prima mi piace un sacco, le post produzioni in stile “Bordin” sono sempre molto oniriche, ma anche e sempre in grado di suscitare emozioni! Ci vuole un bel tutorial!

    Leave a Reply

    (obbligatorio)

    (obbligatorio)