Pilastri o steli di bicchiere?

Written on 22 ottobre 2009 – 19:07 | by Falsomagro |

Olympus E-P1 PEN – 14mm (28 mm eq.)  -  f/3.5 – ISO 400 – 1/40 sec – Art Filter POP ART

La Nature est un temple où de vivants piliers
Laissent parfois sortir de confuses paroles;
L’homme y passe à travers des forêts de symboles
Qui l’observent avec des regards familiars.
Comme de long échos qui de loin se confondent
Dans une ténébreuse et profonde unité,
Vaste comme la nuit et comme la clarté,
Les pafums, les couleurs et les sons se répondent.
Il est des parfums frais comme des chairs d’enfants,
Doux comme del hautbois, verts comme les prairies,
- Et d’autres, corrompus, riches et triomphants,
Ayant l’expansion des choses infinies,
Comme l’ambre, le musc, le benjoin et l’encens,
Qui chantent les transports de l’esprit et des sens.

Che nella traduzione di Adele Morozzo Della Rocca, Torino, UTET, 1947, suona così:

La natura è un tempio in cui viventi colonne lasciano talvolta sfuggire confuse parole; l’uomo vi passa, attraverso foreste di simboli, che lo guardano con sguardi familiari.
Simili a lunghi echi, che di lontano si confondano in una tenebrosa e profonda unità – vasta come la notte e la luce – i profumi, i colori e i suoni si rispondono.
Profumi freschi come carni di bimbi, dolci come il suono dell’oboe, verdi come praterie. Ed altri corrotti, ricchi e trionfanti, vasti come le cose infinite: l’ambra, il muschio, il benzoino e l’incenso, che cantano i rapimenti dello spirito e dei sensi.

I pilastri viventi della poesia di Baudelaire (Correspondences), che rimandano alle segrete corrispondenze tra le cose, tra il reale e l’onirico, ecco la prima cosa che mi si affaccia alla mente di fronte a questo scatto. Steli di bicchieri ordinatamente disposti in fila che alla luce artificiale di lampade con una netta tonalità fucsia lasciano la loro natura e la propria sostanza per trasformarsi in altro, magari nelle colonne e negli archi a sesto acuto di una immaginaria cattedrale gotica di trasparente vetro.

  1. One Comments to “Pilastri o steli di bicchiere?”

    1. Marcopino scrive:

      Complimenti davvero, Roberto! Sia per la foto, che mi piace molto, con la sua sospensione tra realtà e allusione, sia per la citazione baudelairiana…parole e immagini, gran bella accoppiata!

    Leave a Reply

    (obbligatorio)

    (obbligatorio)