Yerushalayim / Al Quds

Written on 16 agosto 2010 – 10:20 | by marcopino |

E’ ormai passata qualche settimana dal mio rientro dal viaggio in Israele e Territori Palestinesi, ma devo dire che l’impatto non si è ancora placato. E’ una terra davvero affascinante, ricca di contrasti e contraddizioni, fatta di diversità che (spesso) riescono a coesistere. E’ stata un’esperienza interessante anche dal punto di vista fotografico: tanti gli spunti, le possibilità di ripresa, che variavano dai paesaggi alla street photography, dai ritratti al gioco sui dettagli. Inoltre, per un “fotografo” pigro come me, avere lo stimolo di scattare per sette giorni a ritmi sostenuti mi ha permesso di sperimentare un po’ e conoscere meglio la mia macchina.

Alla fine, ho portato a casa circa 700 scatti, da cui selezionerò (con calma) una serie su cui lavorare bene in postproduzione in modo da realizzare un piccolo album.

Per ora, vorrei condividere con voi alcune foto tra le mie preferite.

La cupola della Roccia, Qubbat al Sakhra in arabo, è un santuario che ricorda l’ascensione al cielo di Maometto e il luogo del sacrificio di Isacco. I colori delle maioliche si fondono con quelli del cielo, mentre la cupola dorata regala riflessi e luminosità.

L’area del Muro Occidentale, HaKotel Ma’aravi, è decisamente suggestiva anche dal punto di vista fotografico. Ad essere onesti, sono stato molto combattuto tra la voglia di portare a casa qualche buono scatto e la volontà di non disturbare la preghiera nè di fare la parte del turista allo zoo. Non so, per la verità, quanto ci sia riuscito.

All’interno delle chiese di rito ortodosso presenti in Terra Santa sono sempre numerosissime le lampade, talvolta arricchite di dettagli per noi inusuali, come uova o…palle di natale! Queste bellissimi oggetti sono stati uno dei miei soggetti preferiti, e con un pizzico di fortuna, nella chiesa della Morte della Vergine, vicino al Monte degli Ulivi, ho catturato questo scatto.

Prima di partire vi avevo chiesto consiglio circa l’attrezzatura da portare… Quando ho acquistato pompetta e cartine per la pulizia dell’obiettivi, nella confezione ho trovato un risibile mini-treppiede. Ebbene, l’aggeggino si è rivelato utilissimo per realizzare qualche suggestivo scatto in notturna, compreso questo autoscatto di fronte alla Spianata delle Moschee illuminata.

  1. 3 Comments to “Yerushalayim / Al Quds”

    1. Falsomagro scrive:

      Autoscatto esibizionista! (io e la Marti ormai siamo esperti nel settore, tanto da rifiutare l’aiuto di quelli che ci credono in difficoltà quando siamo alle prese con gli autoscatti vacanzieri)

      Belle le foto. Della prima non mi convince del tutto la composizione, la seconda mi piace molto, ma come capita spesso anche a me forse c’è troppo spazio sopra la testa. Nella terza mi piace la scelta di mettere a fuoco uno dei soggetti centrali della serie e non semplicemente il primo. Qui forse avrei lasciato meno spazio vuoto sotto.

      Bella Pino!

    2. Matteo Cervo scrive:

      Grande Pino! Attendevo le tue foto!
      La prima mi piace per la composizione simmetrica e lo spazio negativo dato dal cielo. Il ritratto rubato al contrario mi dice poco: troppo laterale. Come riporti nel testo non è facile trovare il giusto equilibrio nel fotografare le persone per strada, tanto più quando ci si trova in un luogo di raccogliemento.
      Carini i candelieri, l’autoscatto è….mmmm…un bel ricordo….(sorry!)
      Aspetto di vedere tutta la serie!!

    3. marcopino scrive:

      Grazie per i commenti: aspettavo di sentire il vostro parere!
      Dunque, qualche risposta alle osservazioni: circa la prima, Matteo ha colto il senso della composizione, che voleva valorizzare la geometria dell’architettura e suggerire, con la porzione ampia di cielo, un valore spirituale.
      La seconda: il taglio di lato serviva a rendere visibile il tefillim sulla fronte. Non ho voluto stringere troppo per cercare di ambientare il ritratto, con scarsi esiti.
      Sull’autoscatto…nessuna velleità artistica! L’ho pubblicato giusto come ricordo. Presto vorrei postare altre foto, compreso qualche esperimento di stitching.

    Leave a Reply

    (obbligatorio)

    (obbligatorio)